Quando Bepi l'è vegnesto
(Domenica Casarotto)

Quando Bepi l'è vegnesto de la Italia al Brasil
dentro de on bastimento con la dona e due bambin
chissà quanta paura nel mare sensa fin
"Sensa soldi, sensa niente, cossa ghe darò ai bambin?" (2 volte)

Ma dopo de sto viajo quanta disillusion
el ga ciapà una sapa, un s'ciopo e un roncon
anca per laorare la manera e un segon
perso in mezo al Mato quasi sensa diresion (2 volte)

Lìè rivà nel Rio grande in mezo a la cuccagna
el Mato pien de bestie, la tera sol montagne
sassi da par tuto gnanca posto per piantar
mostrare el progresso, el progresso, ma come far (2 volte)

El ga fato la so casa co i rami de pin
e ancora la ga querta co le foje de capin
la sua colonia darente de Cassìa
quanto tribulare o segnor, mama mia. (2 volte)

Parlando con la dona el se ga ricordà
piantar un bel vignal, far vin in quantità:
Due o tre quarti sto Bepi ga impienà
vin bon e vin puro el vendea ne la cità (2 volte)

Una bordalesa in cantina el ga vansà:
grassie a questo Bepi che la Italia ga mandà
per far cantoria italiana tuti, ma tuti i ani
un grande presente, ai Brasiliani (2 volte)

Recordarse dei nostri bisnonni
(Valter Marasca)

Fa de più de cento ani
che i Taliani qua i zé rivai;
zé rivati de bastimento,
i g à sofresto pezo de animai;
i g à trovato puro mato,
sensa qurte i dormiva in tera;
i g à lotà tanto tanto
quasi come èser ne la guera;

Rit:
Bisogna recordarse de i nostri bisnoni
che grasie a lori encoi noi semo qua!

De manara i taieva le piante
per piantare formento e milio;
quelo zera per el suo sustento
pena rivati qua n te sto paise.
I g à piantà tanti vignai
I g à inpienesto le bote de vin:
l era Italiani che ghe fea veder
la so forsa a tuto l Brasil
Rit:

La domenica i ndeva a mesa,
fioi e fiole e i sui genitori;
i gaveva tanta fede a Dio
che zé pupà anca de tuti noi;
se tuta la gente del mondo
fose stata come i nostri biznoni
deso l mondo el saria ben n antro,
sensa guera e meno povertà!

Rit:
Quando l era giorni de festa
se riuniva diverse fameie;
i cantava, i giugheva a le boce,
a giugar carte i pasea noti intiere;
ben contenti i giugheva a la mora
e i bevevo anca tanto vin;
quando che ghe bateva la fame
i magnea polenta e scodeghin

Rit:
Vardé adeso, me cari frateli,
che cità e che bele colonie;
tante strade e che grande industrie
che i ga fato per noi per più sorte;
Noi qua adeso gavemo de tuto;
Ascolté cosa che mi ve digo:
recordeve de i nostri Italiani
che adeso i è là n te l paradizo!


Sacco e Vanzetti
(Vampo - Pensiero)



Sacco e Vanzetti furono arrestati
a Boston una sera con sorpresa,
d'avere ucciso furono accusati
e pel verdetto furono in attesa.
Ma tutto il mondo insorse a tale atto
e più di un dibattito passò,
per fare almeno luce sul misfatto,
ma tutto invan, la legge condannò!

Se ne son spesi dollari
sperando di salvar
quegl'infelici uomini da dubbia reità.

E Sacco disse: "Noi siamo innocenti,
e chi ci condannò lo sa pur bene,
ci han calcolati come delinquenti
stringendoci più forte le catene.
Se il nostro fine in questo caso nuoce
di classe è l'odio che fa condannar,
mentre nel mondo intero una voce
s'innalza per poterci liberar.

Ed ho finito, disse,
Vanzetti, parlerà,
io fin non mi so esprimere, egli continuerà".

Vanzetti, l'altro martire, parlando
con voce calma e senza aver paura,
discusse quel delitto più nefando
e pur l'orror della condanna oscura.
Ai giudici egli disse: "Condannate!
Rimorso atroce avrete voi un dì".
Le nostre idee, è ver, sono avanzate
ma non per questo noi dobbiam morir".

Il mondo guarda e attende
e grida ognor così:
là sulla sedia elettrica non debbono morir!

Marcinelle
(tradizionale)

Laggiù nel borinagela terra è nera
per tutti gli emigranti morti in miniera

Sepolti ad uno ad uno
complice oblio
per lor vogliam riscossa e non addio

Venuti dalla morte
le braccia strette
Turiddu e Rodriguez gridan presente

Morti di Marcinelle
quella miniera
non è più una tomba, ma una bandiera

Compagno minatore
la tua memoria
riempie di coscienza la nostra storia