Fox trot della nostalgia
(Bixio - Cherubini - Vitaliani)


Sulla sponda argentina
una folla cammina
par sorridere al mar
è un confuso vociar
il piroscafo è là.
Tornan via gli emigranti
della patria sognanti
dopo il crudo lavor
con un gruzzolo dor
con in cuor l'ansietà

Oh mamme dal crin d'argento laggiù
spose, bimbi cari tesor
sembra così dica ogni cuore
se ci assiste il signore
a voi torniam

Va la nave silente
lieve un canto si sente
no non dormono più
ma si veglia lassù
con lo sguardo lontan.
Sorge alfin quell'aurora
ecco un lembo che sfiora
è l'Italia ma sì
tutti in piedi son lì
che protendon le man

Oh Italia, è un pianto, un'invocazion
terra, terra nostra d'amor
squilla dalla riva il vapore
il gran grido del cuore
patria e mammà:

Ciao amore ciao
(L. Tenco)

La solita strada
bianca come il sale
il grano da crescere
i campi da arare;
guardare ogni giorno
se piove o c'è il sole
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta
e andare via.

Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.
Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.

Andare via lontano,
cercare un altro mondo
dire addio al cortile
andarsene piangendo.

E poi mille strade
grigie come il fumo,
in un mondo di luci
sentirsi nessuno.
Saltare cent'anni
in un giorno solo:
dai carri nei campi
agli aerei nel cielo,
e non capirei niente
e aver voglia di tornare da te.

Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.
Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.

Non saper fare niente,
in un mondo che sa tutto;
e non avere un soldo
nemmeno per tornare.

Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.
Ciao amore, ciao amore, ciao amore, ciao.


Lacreme napulitane
(Buongiovanni - Bovio)

Mia cara madre,

sta pe' trasí Natale, e a stá luntano cchiù mme sape amaro....
Comme vurría allummá duje o tre biangale...
comme vurría sentí nu zampugnaro!...

A 'e ninne mieje facitele 'o presebbio
e a tavula mettite 'o piatto mio...
facite, quann'è 'a sera d''a Vigilia
comme si 'mmiez'a vuje stesse pur'io...

E nce ne costa lacreme st'America
a nuje Napulitane!...
Pe' nuje ca ce chiagnimmo 'o cielo 'e Napule,
comm'è amaro stu ppane!

Mia cara madre,
che só, che só 'e denare?
Pe' chi se chiagne 'a Patria, nun só niente!
Mo tengo quacche dollaro, e mme pare
ca nun só' stato maje tanto pezzente!

Mme sonno tutt''e nnotte 'a casa mia
e d''e ccriature meje ne sento 'a voce...
ma a vuje ve sonno comm'a na "Maria"...
cu 'e spade 'mpietto, 'nnanz'ô figlio 'ncroce!

E nce ne costa lacreme st'America

Mm'avite scritto
ch'Assuntulella chiamma
chi ll'ha lassata e sta luntana ancora...
Che v'aggi''a dí? Si 'e figlie vònno 'a mamma,
facítela turná chella "signora".

Io no, nun torno...mme ne resto fore
e resto a faticá pe' tuttuquante.
I', ch'aggio perzo patria, casa e onore,
i só carne 'e maciello: Só emigrante!
E nce ne costa lacreme st'America

Il treno che viene dal sud
(S. Endrigo)

I1 treno che viene dal sud
non porta soltanto Marie
con le labbra di corallo
e gli occhi grandi così.
Porta gente, gente nata fra gli ulivi,
porta gente che va a scordare il sole,
ma è caldo il pane
lassù nel nord.

Nel treno che viene dal sud
sudori e mille valigie,
occhi neri di gelosia:
arrivederci Maria!
Senza amore è più dura la fatica,
ma la notte è un sogno sempre uguale:
avrò una casa
per te e per me.

Dal treno che viene dal sud
discendono uomini cupi
che hanno in tasca la speranza
ma in cuore sentono che
questa nuova, questa grande società,
questa nuova, bella società
non si farà,
non si farà.